• Alessandra Fanizzi

'THE ATLAS OF BEAUTY' BY MIHAELA NOROC, A VISUAL POETRY OF REAL WOMEN FROM AROUND THE WORLD


English text / Article originally written for Rebel Femme Online Magazine


'The Atlas of Beauty: Women of the World in 500 Portraits'

55 countries visited.

500 portraits of real women, from every corner of the world.

352 pages of a unique photography collection.

4 years of hard work.

1 incredibly stunning book project.

This is The Atlas of Beauty, created by the talented Romanian photographer Mihaela Noroc.


Photographer and author Mihaela Noroc

I am deeply and humbly honoured to share her work with you.

Please, keep reading and lose yourself with me in this fantastic adventure project full of beauty and soul.



Mihaela's passion for photography was born when she was sixteen-year-old and received her first nice old camera, surrounded by an artistic atmosphere immersed in hues of colours and inspiration, thanks to her painter father.


Intrigued by that gift, she started to take pictures of her mother and sister, because she was too shy to be on the streets and interact with other people. And it was at that moment that Mihaela fell in love with photographing women. Mihaela then studied photography at the university, but her insecurities about her professional skills led her to other kinds of jobs, just for money, and to care about photography only as a side hobby.


Another passion was travel and as an active backpacker, she visited many places, admiring the cultural beauty and the interweaving differences of our planet.

In particular, a trip to Ethiopia in 2013, symbolized the turning point in Mihaela’s life: travelling the world while photographing the niche of the (underestimated) real natural beauty of women.


Thus, a big leap towards self-confidence brought to the realization of The Atlas of Beauty.

Starting as a small project, it powerfully gained popularity on social media, creating an effervescent appeal around this beautiful human project, led by a woman and addressed to all women (and the entire humankind, of course). The increasing interest and the real appreciation for The Atlas of Beauty got people involved to the point of donating and supporting the project itself, helping Mihaela in her photographic project, in the name of beauty, in every spot of the world.



As Mihaela Noroc states: “For me, ‘beauty’ is ‘diversity’.

It is much more than what we often see today in mass media. If you put the words ‘beautiful woman’ into Google, you’ll mostly see very similar images of seductive women. But on the streets of the world, beauty has many more facets. We just have to open our eyes and see it. In the end, beauty is in our differences, it’s about being yourself, natural and authentic, not about trends, race, or social status.

All women are beautiful in their way. "



And she also states that: "In The Atlas of Beauty, women don't play roles, they are not perfect. But they are natural and authentic, proving that real beauty means being yourself. While travelling, I noticed that there’s a lot of pressure on women to look and behave in a certain way. In some environments, it is pressure to look attractive. In others, on the contrary, it is the pressure to look modest.

But every woman should be free to explore her beauty without feeling any pressure from marketing campaigns, trends, or social norms. Real beauty comes from inside, inspiring serenity and humanity, so if our outsides are natural and authentic, our insides will be more visible. We need to learn to be ourselves, but to do that we also have to learn to let other people be themselves.”



And she also powerfully says:

“There’s much love, beauty, and compassion in the world and I see it with my own eyes. Yet, few sources of hate and intolerance can ruin all this. Many times, the victims of intolerance are women, and while on the road I hear many heartbreaking stories. "

"I think now more than ever our world needs an ‘atlas of beauty’ to present the struggles and dreams of everyday women, to send an empowering message to all of them."


Thus, for the female photographer the objective of this atlas is "to prove that diversity is something beautiful, not a reason for strife." She wishes that her "project will encourage more women, and also men, to follow their own path, to explore their own beauty, without feeling constrained."

And she goes on: "I want to honour the wonderful women of our world. To show that their beauty has no bounds, so acceptance, love, and compassion shouldn’t either. I hope this book will get into many homes around the world, convincing more people that diversity is a treasure and not a trigger for conflicts and hate."


"Beauty can teach us to be more tolerant. We are all very different, but through this project, I want to show that we are all part of the same family. We should create paths between us, not boundaries.”


The Atlas of Beauty portrays 500 pictures of real women, human and (un)perfect creatures with interesting stories (that you can/will read in the book), natural faces and little (or no) make-up, naturally bound to their surrounding environments as part of their everyday lives.



A celebration of real unretouched beauty unravelling from every corner of the planet: mile after mile, from Brazil to Iran, from Afghanistan to North Corea, from Tibet to New York, and so many more places except Antarctica.

An exploration of diverse and unique beauty.

A masterpiece of a myriad of hues, united in its harmonious difference.

A respectful act of acceptance, inclusion, love.


And yes, we all really need beauty, acceptance, inclusion, and love, now more than ever.

Thank you, beautiful soul, Mihaela.

And you, what are you waiting for?


Purchase now your book here or by clicking on the image below:




Visit Mihaela Noroc website and follow her project also on Facebook and Instagram.




Photo copyright and credits: Mihaela Noroc


Italian text / Articolo originariamente scritto per Rebel Femme Online Magazine



'THE ATLAS OF BEAUTY' DI MIHAELA NOROC, L'ELOGIO VISIVO ALLE VERE DONNE DEL MONDO


55 nazioni visitate.

500 ritratti di donne vere provenienti da ogni angolo del mondo.

352 pagine di una collezione di fotografia unica.

4 anni di duro lavoro.

1 progetto trasformato in un libro incredibilmente meraviglioso.

Questo è The Atlas of Beauty, realizzato dalla talentuosa fotografa rumena Mihaela Noroc.


E io sono profondamente e umilmente onorata di condividere il suo progetto con te. Dunque, continua a leggere ed immergiti con me in questo fantastico progetto avventura pieno di bellezza e anima.



La passione di Mihaela per la fotografia è nata quando lei avevi sedici anni e ha ricevuto in dono la sua prima vecchia macchina fotografica, circondata da un’atmosfera d’arte, immersa in sfumature di colori ed ispirazione, grazie a suo padre che faceva il pittore.


Intrigata da quel regalo, ha cominciato a fare fotografie a sua madre e sua sorella, perché lei era troppo timida per essere sulla strada e interagire con altre persone. Ed è stato proprio in quel momento che Mihaela si è innamorata della fotografia, con la donna come soggetto. In seguito, Mihaela ha studiato fotografia all’università, ma le insicurezze sulle sue competenze professionali l’hanno portata a fare altri tipi di lavori, giustificati solo dal denaro, e di interessarsi alla fotografia solo come hobby.


Un’altra sua passione è il viaggio. In quanto donna backpacker, ha visitato molti posti, ammirandone la bellezza culturale e le differenze del nostro pianeta, che s’intrecciano l’una con l’altra.

In particolare, un viaggio in Etiopia nel 2013, ha simbolizzato il punto di svolta nella vita di Mihaela: viaggiare per il mondo fotografando la nicchia della (sottovalutata) reale bellezza delle donne.


Dunque, finalmente un grande slancio verso la fiducia in sé stessa ha portato alla realizzazione di The Atlas of Beauty. Iniziato come un piccolo progetto, è diventato in seguito molto popolare sui social media, creando un vivace fermento intorno a questo bellissimo progetto rivolto all’umanità, guidato da una donna e indirizzato a tutte le donne (e tutto il genere umano, ovviamente).

Il crescente interesse e il reale gradimento per The Atlas of Beauty ha coinvolto così tanto le persone al punto di fare donazioni e supportare il progetto stesso, aiutando Mihaela con la sua fotografia, nel nome della bellezza, in ogni parte del mondo.


Come Mihaela afferma: “Per me, la ‘bellezza’ è ‘diversità’.

E’ molto più di quello che vediamo oggi sui mass media. Se inserisci le parole ‘bella donna’ su Google, vedrai più che altro immagini simili di donne seducenti. Ma per le strade del mondo, la bellezza ha molte più sfaccettature. Dobbiamo solo aprire gli occhi e guardarle. Alla fine, la bellezza è nelle nostre differenze, significa essere sé stessi, in modo naturale ed autentico; non si riferisce ai trends, all’etnia, allo stato sociale.

Tutte le donne sono bellissime a modo loro."


E procede sostenendo che: "In The Atlas of Beauty, le donne non giocano un ruolo, non sono perfette. Ma sono naturali e autentiche, dimostrando che la reale bellezza significa essere sé stessi. Duranti i miei viaggi, ho notato che c’è molta pressione sulle donne, in termini di apparenza e di un certo tipo di comportamento. In alcuni ambienti, è il peso di apparire attraenti. In altri, al contrario, è il peso di apparire in modo modesto e discreto.

Ma ogni donna dovrebbe essere libera di esplorare la sua bellezza senza sentire alcuna pressione dalle campagne pubblicitarie, trends o regole date dalla società. La vera bellezza proviene dall’interno, ispirando serenità e umanità, così i nostri soldi esterni risultano naturali ed autentici, facendo risaltare i nostri universi interiori in modo più visibile. Dobbiamo imparare ad essere noi stesse/i, ma per farlo dobbiamo anche imparare a lasciare che le altre persone siano sé stesse”


Mihaela dice anche che: “ C’è molto amore, bellezza e compassione nel mondo e lo vedo con i miei occhi. Esistono ancora poche fonti di odio e intolleranza che possono rovinare ancora tutto questo. Molte volte, le vittime di intolleranza sono proprio le donne, e mentre giro per le strade del mondo, ascolto tante storie strazianti."


"Penso che, ora più che mai, il nostro mondo abbia bisogno di un ‘atlante della bellezza’ per presentare le battaglie e i sogni delle donne comuni, e per mandare un messaggio di incoraggiamento e emancipazione a tutte loro. "

Per la fotografa infatti l'obiettivo di questo atlante è "che provi che la diversità è qualcosa di bello, non una ragione per entrare in conflitto." Lei si augura che "questo progetto porterà più donne, e anche uomini, a seguire la loro strada, ad esplorare la loro bellezza, senza sentirsi limitati."

E continua: "Desidero onorare le meravigliose donne del nostro mondo. Per mostrare che la loro bellezza non ha confini, così come l’accettazione, l’amore e la compassione. Spero che questo libro entri in molte case, nel mondo, spingendo quante più persone persone a pensare e sentire che la diversità sia un tesoro e non la causa scatenante per conflitti e odio. "


"La bellezza può insegnarci ad essere più tolleranti. Siamo tutti molto diversi, ma attraverso questo progetto, voglio mostrare che siamo tutti parte della stessa famiglia. Dovremmo creare percorsi tra di noi, e non confini.”

In The Atlas of Beauty ci sono 500 foto ritratti di donne reali, creature umane e (im)perfette con storie interessanti (che potrai leggere nel libro), volti naturali con poco (o nessun) make-up, donne che fanno naturalmente parte degli ambienti in cui vivono la loro vita quotidiana.


Una celebrazione della bellezza reale non ritoccata che si svela, in ogni angolo del nostro pianeta: miglio dopo miglio, dal Brasile all’Iran, dall’Afghanistan alla Corea del Nord, dal Tibet a New York, comprendendo molti altre locations tranne l’Antartide.

Un’esplorazione della bellezza diversa e unica.

Un capolavoro fatto da una miriade di sfumature, (ri)unite nella loro armoniosa differenza.

Un’azione rispettosa piena di accettazione, inclusione, amore.

E si, abbiamo tutti davvero bisogno di bellezza, accettazione, inclusione, amore, ora più che mai!

Grazie davvero, bella anima Mihaela.



E tu, cosa aspetti?


Acquista ora il tuo libro cliccando il pulsante qui sotto:




Visita il sito web di Mihaela Noroc e segui il suo progetto anche su Facebook e Instagram.



Photo copyright e credits: Mihaela Noroc

3 FRONTE CARTA LUCIDA TRASPARENTE.png
1f5c79832b4d0fddf889e3fc956a992c copia.p
  • Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn - Black Circle
  • Twitter
  • Tumblr Social Icon

subscribe

let's stay in touch! Join my mailing list for updates.

© 2021 Alessandra Fanizzi / Reproduction of any image and content on this site without permission is prohibited.