• Alessandra Fanizzi

FASHION / FOCUS ON SIMONE MANOJLOVICH

Hungry for inspiration? Today's menu is served on a golden plate.

Discover more about fashion designer Simone Manojlovich.


Simone Manojlovich / Photo credit © Silvana Dogan

One name.

One story.

One universe molded by infinite interconnected elements.

Simone Manojlovich.

She graduated in fashion design at School of Applied Art and Design Faculty of Textile Technology Zagreb in 2011, which gave her also the opportunity to showcase her collections at Fashion Week Zagreb.

In 2013, Simone completed her master studies at Haute Future Fashion Academy, in Milan.

Simone Manojlovich is also the name of the clothing brand she founded.

An unconventional signature for her and for him.

Deconstruction, unconventionality, pure minimalism and androgyny blend together to design a conceptual and artistic world.

Natural materials are the leitmotif of Simone Manojlovich fluid collections.

Like minimal architecture standing into the space with subtle yet pure strength, each garment lives its own life, thus it becomes magic when combined with other different clothing items.

One mission.

No established rules. No clichés, nor lastest trends.

Style is a way of thinking, not just a way of dressing.

Style means being themselves with no compromise.

It becomes one with the wearers’ strong and conscious personality.

Towards a sense of freedom.

Pure attitude, ethic + aesthetic.


Take your time now, to be inspired by a deeper conversation with this talented fashion designer and human being first.


Hello Simone. When did you first realize you wanted to pursue a career as a fashion designer? How did you get started?

Quite naturally from the early stage, I dreamt of becoming a fashion designer.

I would make drawings from the designs I had in my mind. Fashion has always been my first love. As a child, I loved to sew and make clothes from paper first. My journey started because of my passion for creating things. From an early age, I was passionate about fashion world and art.

I think I got my creative and artistic side from my grandmother and my father. I grew up surrounded by books and art. I'm grateful for that. Everything else comes through a natural process.


There's a multifaceted world behind your mysterious eyes. What are your sources of inspiration?

My life. A way of living. Things that make your heart beat. My personal experiences, emotions, and moods constantly affect my design. People who love and live fearlessly. Weak-minded people from another universe. Philosophy. Film. Art. Passion, euphoria, and emotions that fill me.


Close your eyes now. Think about fashion, art, music, travel, books, or anything that you really love. Is there any particular moment that really moved you to tears? If yes, why?

Everything that impresses me. It is something that happens at another level, magically. Deep emotions. Intense expression cannot be explained in ordinary words. High spirits, verve.


What's your working process? Tell me about the most exciting part of your creative work.

It all comes very naturally. I don't really see it as a job, but as life. This is a job I carry out with passion so it doesn't seem like a job. I am focused on every step. From the first sketches, which truly epitomize the brand, to the latest steps, focusing on color and materials. There is a constant research, and the process is as important as the product. A kaleidoscope of colors.


Clothing has a special meaning. What do you want to communicate with your clothing line?

The same spirit runs through everything I do. The atmosphere of a collection often reflects what's going on around me. Each piece is a new story. Every person needs to add his or her own personality. A designer must be open-minded.

I don't like fashion clichés. Individuality is key. A minimalist aesthetic. There's always a bit of rock'n'roll. But my focus is on conceptual value.



The lesson you've learned as a fashion designer.

Never let the fear of striking out get in your way. Only mistakes and failures open up space for great things and new horizons.


Your biggest accomplishment you feel proud of, Simone.

I have many. There were lots of nice moments. I remember my first show at Fashion Week Zagreb, when Vogue Italia included my SS 14 "Silent" collection amongst the top 100 best collection in the world. My studies in Milan. The humanitarian fashion show "Life circle” at a fundraising event to support people affected by Alzheimer's disease. But the best will come very soon. More. And more to come.


Any new projects you are working on?

A vivid universe that is constantly evolving. It's a finished collection for Spring 2019. The new fashion ad campaign shot in London and Belgrade will debut soon. The collection for winter 2019 is already prepared, and I am very pleased to be having the collection ready in London. And in the future, the global market.


Do you have any advice or words of wisdom you feel to share with other fashion designers, creatives and human beings in general?

Trust your intuitions and be yourself as one. Courage! Never allow your environment to change what is originally in you. Books, books, more books! Modernity and innovation are related concepts.


As a human being first, which important values would you love to see (again) in this complex, fast world?

My human responses are always to be alerted to talent as a sense of uniqueness, it is the most important value.

I am not a fan of trivial, easily read concepts of people. This crazy consumerism makes us desire to please everyone, with no subtlety. Society has become a mass of people who look and act the same, where creativity is lost. I would like to see better creative connections between people from all over our planet, sharing abilities, sharing knowledge, embracing today's technology.

Big ideas. Love. Humanity. Kindness. We should value all these, every day. Finally, more respect for nature.


One last question. If you were a word, a quote or a mantra, what would you be?

Being Simone is enough. When things need to be described the essence is lost.


And essence is the magic password to unlock the beauty in this Universe.

Less is More.

And More is Amore (which means love, in Italian language).

Thank you Simone for your inspiring world, work and words.




For more, visit:

https://www.instagram.com/simonemanojlovich.official/

https://www.facebook.com/simonemanojlovich





Photo credits: © Simone Manojlovich, Maja Riznic, Aleksandar Savic, Emanuel Manchy


italian version. /


FASHION / FOCUS ON SIMONE MANOJLOVICH


Fame d'ispirazione? Il menù di oggi è servito su un piatto dorato.

Scopri di più sulla stilista Simone Manojlovich.


Un nome

Una storia.

Un universo modellato da infiniti elementi interconnessi.

Simone Manojlovich.

Si è laureata in stilismo di moda presso la School of Applied Art and Design Faculty of Textile Technology Zagreb nel 2011, a Zagabria, che le ha dato anche la possibilità di mostrare le sue collezioni alla Fashion Week Zagreb.

Nel 2013, Simone ha completato il suo master alla Haute Future Fashion Academy, a Milano.

Simone Manojlovich è anche il nome del brand di abbigliamento che ha fondato.

Una firma non convenzionale per lei e per lui.

Decostruzione, anticonformismo, puro minimalismo e androginia si mescolano insieme per disegnare un mondo concettuale e artistico.

I materiali naturali sono il leitmotif delle collezioni fluide di Simone Manojlovich.

Come architettura minimal che si erge nello spazio con forza delicata e pura al tempo stesso, ogni capo vive di vita propria, e, quando è combinato con altri pezzi d'abbigliamento, diventa magia.

Una mission.

Niente regole fissate. Niente clichés né ultimi trend.

Lo stile è un modo di essere, non solo un modo di vestire.

Stile significa essere se stessi senza compromessi.

E diventa tutt'uno con la personalità forte e consapevole di chi l'indossa.

Verso un senso di libertà.

Pura attitudine, etica + estetica.


Prenditi il tuo tempo ora, per essere ispirato da una conversazione più profonda con questa fashion designer di talento e essere umano in primis.


Ciao Simone. Quando hai realizzato di voler intraprendere la carriera come fashion designer? Come hai cominciato?

In modo abbastanza naturale sin dall'inizio, sognavo di diventare un stilista di moda.

Facevo disegni partendo da quel che avevo in mente. La moda è sempre stata il mio primo amore. Quando ero una bambina,

mi piaceva cucire e fare abiti a partire dalla carta. Il mio viaggio è cominciato grazie alla mia passione di creare cose.

Sin da piccola, ero appassionata del mondo della moda e dell'arte.

Penso di aver ereditato il mio lato creativo e artistico da mia nonna e mio padre. Sono cresciuta circondata da libri e arte. Sono grata per questo. Tutto il resto avviene attraverso un processo naturale.


C'è un mondo poliedrico dietro i tuoi occhi misteriosi. Quali sono le tue fonti d'ispirazione?

La mia vita. Un modo di vivere. Ciò che fa battere il tuo cuore. Le mie esperienze personali, emozioni e gli stati d'animo toccano costantemente i miei lavori. Le persone che amano e vivono senza paura. I deboli di carattere provenienti da un altro universo. La filosofia. I film. L'arte. La passione, l'euforia e le emozioni che riempiono la mia persona.


Chiudi i tuoi occhi adesso. Pensa alla moda, all'arte, alla musica, ai viaggi, ai libri, o a ciò che ami davvero. C'è un momento particolare che ti ha emozionato fino a portarti alle lacrime? E se sì, perché?

Tutto quello che mi impressiona positivamente. È qualcosa che succede a un altro livello, magicamente. Le emozioni profonde. Le espressioni che non possono essere spiegate con parole ordinarie. Il buon umore, la verve.


Qual è il tuo procedimento lavorativo? Raccontami della parte più entusiasmante del tuo lavoro creativo.

Avviene tutto in modo naturale. Non lo vedo davvero come un lavoro, ma come vita. Questo è un lavoro che porto avanti con passione quindi non sembra un lavoro. Mi concentro su ogni fase. Dai primi sketches, che incarnano completamente il valore del brand, fino agli ultimi step, incentrati su colori e materiali.

C'è una ricerca costante, e il processo è importante come il prodotto. Un caleidoscopio di colori.


L'abbigliamento ha un significato speciale. Cosa desideri comunicare con i tuoi capi?

Lo stesso spirito che scorre attraverso quel che faccio. L'atmosfera di una collezione spesso riflette ciò che ruota intorno a me. Ogni capo è una nuova storia. Ogni persona ha bisogno di aggiungere alla sua personalità. Un designer deve essere di mentalità aperta. Non mi piacciono i clichés nella moda. L'individualità è la chiave. Un'estetica minimalista. C'è sempre un pò di rock'n'roll. Ma il mio focus è sul valore concettuale.


La lezione che hai imparato come fashion designer.

Non lasciare mai che la dura critica si metta in mezzo alla tua strada. Solo gli errori e i fallimenti fanno spazio a grandi cose e nuovi orizzonti.


La tua più grande soddisfazione di cui ti senti orgogliosa, Simone.

Ne ho molte. Ci sono stati molti bei momenti. Ricordo il mio primo show alla Fashion Week Zagreb, quando Vogue Italia ha incluso la mia collezione SS 14 "Silent" tra le 100 migliori collezioni al mondo. I miei studi a Milano.

La sfilata di moda a sfondo umanitario "Life circle" durante un evento per raccolta fondi, per supportare le persone affette dal morbo di Alzheimer. Ma il meglio verrà molto presto. E altro. E altro ancora.


Nuovi progetti su cui stai lavorando?

Un universo vivido che si evolve costantemente. È una collezione terminata per la Primavera 2019. La campagna pubblicitaria della nuova collezione, che è stata scattata a Londra e a Belgrado, debutterà presto. La collezione per l'Inverno 2019 è già stata preparata, e mi fa molto piacere avere la collezione pronta a Londra. E nel futuro, ci sarà anche spazio per il mercato globale.


Hai consigli o parole sagge che senti di condividere con altri fashion designer, creativi e altri esseri umani in generale?

Fidati del tuo intuito e sii te stesso al cento per cento. Coraggio! Non permettere al tuo ambiente di cambiare ciò che è originalmente in te stesso. Libri, libri e ancora libri! Modernità e innovazione sono concetti connessi a questo.


Essendo un essere umano in primo luogo, che valori importanti ameresti vedere (di nuovo) in questo mondo complesso e veloce?

Le mie risposte da un punto di vista umano sono di essere sempre attenti al talento come senso di unicità, che è la cosa più importante.

Non sono una fan del superficiale e dei concetti di 'facile lettura' da parte delle persone. Questo pazzo consumismo ci fa desiderare di piacere a tutti, senza delicatezza. La società è diventata una massa di persone che si somigliano e agiscono tutte allo stesso modo, perdendo la creatività. Vorrei vedere migliori connessioni create tra tutte le persone del nostro pianeta, condividendo abilità, condividendo conoscenza, abbracciando la tecnologia di oggigiorno.

Grandi idee. Amore. Umanità. Gentilezza. Dovremmo valorizzarle tutte, ogni giorno. E infine, più rispetto per la natura.


Un'ultima domanda. Se tu fossi una parola, una frase o un mantra, cosa saresti?

Essere Simone è abbastanza. Quando c'è necessità di descrivere si perde l'essenza.


E essenza è la password magica per sbloccare la bellezza in questo Universo.

Il Meno è il Più,

E il Più è Amore.

Grazie Simone per il tuo mondo, lavoro e parole d'ispirazione.




Per maggiori informazioni, visita:

https://www.instagram.com/simonemanojlovich.official/

https://www.facebook.com/simonemanojlovich

© 2019 Alessandra Fanizzi / Reproduction of any image and content on this site without permission is prohibited.