• Alessandra Fanizzi

EMPATHY:INTERVIEW > ROSANNA CALCAGNILE

There's a lovely atmosphere at Accademia of Costume and Fashion Calcagnile. You can breathe immediate empathy with the founder, fashion and costume designer Rosanna Calcagnile.

Number of the day is 8.

8 isn't just a number, but is infinity symbol, which dynamically links empathy to her, to the surrounding people.

8 are the questions destined to Rosanna, in this conversation:a(c)tion which embraces infinity, human and crea(c)tive beauty.



Good morning, Rosanna, thank you for open the doors of Calcagnile Academy to the Empathy:interview. Can you draw with words your vision?

Hi! As a person, I inherited from my family healthy human values, aesthetic sensibility, rationality, rejection for narrow-mindedness and homogenization. Thanks to these teachings-pillars and to my determination, I looked around and I desired to restore dignity to an artistic field which has been degraded for years, caged into ignorance. I addressed my vision towards the will to do something significant for the growth of our territory. Thus, Academy was set up in 1984, and it actually represented the first design school of Salento (Puglia). Academy as container of research, artistic and technical exploration, following support to working inclusion, represented by post-graduate educational study courses, addressed to profiles with passion for fashion. For me, talking about fashion means talking about behaviour, style, thinking and human value. To have training in fashion means to know a job and to be able to translate it with contemporaneity, to practice it with modesty, ethics, identity, determination, persistence, and professionalism.


Rosanna Calcagnile on the right side, with one of her students.

Which motive feeling and missi:on led you to build an Academy?

Motive feeling is willingness, desire to believe in a project linked to territory, and persistence. I had the chance to baste the Academy mission, dictated by trinomial between Art, Fashion and Teaching, joined to the Connection with our land of belonging, in a vision of opening, always putting the student at the centre of attention. This Academy wasn't born as a business-oriented school, but as an academy with a heart, where to stay together and feeling good within as a group, oriented to progress on many levels. It was necessary to give an exemplifying teaching instrument (Calcagnile patent) to a student, in order to fully comprehend the design project, and supporting him/her with a specialistic study plan in an integrated teaching perspective, enriched with human and professional values. This has been our winning formula, always bound to positivity and enthusiasm.


'Mi abito, ci abito' fashion design project

What's your source of inspiration?

It inspires me humanity, nice people to be around me, and especially those people with roots like I had, whose human value is fundamental within the family environment. The most fulfilling thing in life is to have the chance to talk with family members, to meet a partner or a husband- as I had, who cooperates at 360 degrees- to know how to do something and to do it together. To do it for the future, for your own sons and students. It inspires me positivity, also as integrated part as training, and mistake as a constructive and positive experience. It inspires me open-minded people, and I would like that my students too would take inputs from everywhere, to translate them into forms of positivity.


The Academy focuses on creativity, tradition and future, practical and theoretical creation, and young talents. And it especially aims to welcome and teach human resources. How do you imagine the future of such resources?

This is a good question. There are a lot of talents..If the creative intelligence doesn't associate to human values, you cross the limit and scatter too. In order to hold creatives or let them better express, there have to exist a political class, which doesn't have to think about only to personal fiscal consolidation, but to promote infrastructure, to believe more in these young people, to develop ideas though them, in order not to let them escape, damaging themselves and the territory too. We need to help them, also in their behavioral fragility, to suggest them to stop and think, to believe in their potential.

[...] Where are we going? Why we were doing better before rather than now? Wellness led us to a regression, and progress is real only in some ways. We received the right teachings from the past. It's up to us to believe and live with the right values. And if we are able to pass them to other generations for the future, we'll all win. We must think in the present for a better future. Key words are: respect, modesty, open mind, collaboration, quality, sharing, identity.



In 1992, you also founded the Cultural Association RC. Can you describe to me what it represents for you and what are the next projects related to it?

The association is born with the precise aim of certifying the student's expertise, expanding the activities through study seminars, scholarships, fashion shows, and everything that could be an added value to training. The association supports the Academy and promotes also scholarships with partial coverage, dispensed for the most deserving students. We also grant scholarships with total coverage, named "Premio Salvatore Fantastico di Kastron”. I had the honour to have the incredible tailor master as a member of the examination commission, and he was a great admirer of our Academy. He was defined as the 'divas tailor' and he was known globally, but he never received any prize in his native city, Salice Salentino (Puglia, Italy). As jury president, I had to identify a deserving selection of excellence figures, so I gave the Prize to Fashion to the master. After his death, his sister Rosalba, eclectic artist and also Woman of Puglia, physically substituted him at the examination commission, giving every year, a scholarship with total coverage to the best student, in memory of beloved dead brother. We go back to the human side, besides the professional one. Everything comes back, always.


Speaking of projects, for the first time in Puglia and in Italy, Calcagnile Academy has recently welcomed the experiential workshop back to human.®, based on the connection between empathy + creativity. How do you feel this union and what educational benefit expect from this experience?

I live this experience as a continuity. For me is pretty normal to have met Andrjiana Popovic. It's like we know each other from all my life, it's like we are born in the same family, with the same values, with the same aims. It's a real demonstration of the true sense of humanity to new generations, for a sustainable future. We wish this life project we believe in could be really be felt from the new generations too. Actually, we already have a confirmation: seeing the full room, seeing the people happy, with watery eyes and a wellbeing sensation, make feel everyone good. Together.


Why did you choose to include this workshop to the Academy?

Because of empathy. Fil rouge with aesthetic empathy is based on openness and connection, and it's applied to creativity. We wondered what could we do together in order to better reinforce what we believe in, and how to address also the new generations towards human values, thus to design future and identity.[...] Nothing is ever by accident. Not even this meeting with her, or with you, Alessandra, through this interview. I see we are talking the same language and it's like we know each other for a lifetime, isn't it? This is empathy and lies within each one of us. We just got to let it out in a positive way.




Empathy and inspiration are two key points for me, for you and for all sensitive souls. Starting from these two pivotal words, what would you suggest to young people who want to start a creative path as a professional life plan?

I suggest them to follow their own in:tuition. To get help from people to discover what can really be their own life path. many people have potential but don't know they have it. Places and people we live, contribute to lead the way, also becoming real responsible in life. So they need to search for those opportunities, as in this case can be a seminar or dates promoted by our academy, but with the right people who connect creativity, potential and talent.

Charisma is definitely another good ingredient. You are born with charisma, you can improve it by time. Fundamental values are Empathy, creativity, humanity, connection, sharing. Each of us can use those values, to achieve his/her own life project, which is not unreachable... actually, we are already achieving it, in this conversation, right?

[...] And I finish, with these words, I love: he Academy weaves, bastes, strengthens human relationships.

With authenticity and healthy endless love.





For more, visit:

http://www.calcagnile.com


Photo credits: Kubo, Calcagnile Academy

italian version. /


EMPATHY: INTERVIEW > ROSANNA CALCAGNILE


C’è una bella atmosfera all’Accademia di Costume e Moda Calcagnile. Si respira empatia immediata con la founder, nonché stilista e costumista, Rosanna Calcagnile.

Il numero del giorno è 8.

8 non è solo un numero, ma è il simbolo d’infinito, che collega dinamica:mente l’empatia a lei, e alle persone circostanti. 8 sono le domande destinate a Rosanna, in questa convers:azione che abbraccia l’infinito e la bellezza umana e crea(t)tiva.


Buongiorno Rosanna, ti ringrazio per aver aperto le porte della Calcagnile Academy all’Empathy:intervista. Puoi disegnare con le parole la tua visione?

Ciao! Come persona, ho ereditato dalla mia famiglia sani valori umani, sensibilità estetica, razionalità, rifiuto per ristrettezza mentale e omologazione. Grazie a questi insegnamenti-pilastro e alla mia determinazione, mi sono guardata intorno e ho desideravo ridare dignità a un settore artistico declassato da anni, ingabbiato nell’ignoranza. Ho indirizzato la mia visione verso la volontà di fare qualcosa di significativo per la crescita del nostro territorio. Dunque, nel 1984 viene fondata l’Accademia di Moda, che in realtà è la prima accademia di design salentina. Accademia come contenitore di ricerca, di esplorazione artistica e tecnica, di successivo sostegno per l’inserimento da un punto di vista lavorativo, rappresentata da corsi di studi di formazione post diploma e post laurea, indirizzata alle figure con la passione per la moda. Parlare di moda, per me, significa parlare di comportamento, stile, pensiero e valore umano. Avere una formazione nella moda significa conoscere un mestiere e tradurlo con contemporaneità, e poi di praticarlo con umiltà, etica, identità, determinazione, caparbietà e professionalità.


Qual è il sentimento motore e la missi:on che ti ha portata a formare un Academy?

Il sentimento motore è la volontà, la voglia di credere in un progetto legato al territorio, e la tenacia. Ho avuto modo di imbastire la mission dell’Accademia, dettata dal trinomio tra Arte, Moda e Didattica, unita al Legame con la nostra terra di appartenenza in una visione di apertura, mettendo sempre lo studente al centro dell’attenzione. Questa accademia non nasce come una scuola orientata al business, ma come una accademia con un cuore, dove stare insieme e stare bene in gruppo, orientata al progresso su più livelli. Era necessario fornire all’allievo uno strumento didattico esemplificativo (brevetto Calcagnile), affinché potesse comprendere a pieno la progettazione, e corredarlo di un piano di studi specialistico in un'ottica di formazione integrata, arricchita da valori umani, oltre che professionali. Questa è (stata) la formula vincente, sempre legata alla positività e all’entusiasmo.


Qual è la tua fonte di ispirazione?

Mi ispira l’umanità, le belle persone intorno a me, soprattutto quelle che come me hanno avuto delle radici, il cui valore umano è fondamentale nell’ambito della famiglia. Non c’è cosa di più appagante nella vita di avere la fortuna di dialogare in famiglia, di incontrare un compagno o un marito -come l’ho incontrato io, che collabora a 360 gradi- di saper fare qualcosa, e saperlo fare insieme. Fare questo in prospettiva futura, sia per i propri figli che per gli studenti. Mi ispira la positività, anche come parte integrante di una formazione, e l’errore come esperienza costruttiva e positiva. Mi ispirano le persone che aprono la mente, e vorrei che anche i giovani talenti prendano input da tutte le parti e li traducessero in forme di positività.


L’Accademia mette al centro creatività, tradizione e futuro, creazione pratica e teorica, e giovani talenti. E soprattutto mira ad ac:cogliere ed educare risorse umane. Come immagini il futuro di tali risorse?

Questa è una bella domanda. Di talenti ce ne sono tanti…Se le intelligenze creative non si accompagnano ai valori umani, si può anche oltrepassare il limite e ci si disperde. Per poter trattenere i creativi o per farli esprimere al meglio, deve entrare in campo anche una classe politica, che non deve pensare solo ad un risanamento di conti a livello personale, ma promuovere le infrastrutture, credere maggiormente in questi ragazzi, e sviluppare idee attraverso loro stessi, per non consentire la fuga di questi giovani, che vanno via se non stanno bene, facendo del danno a se stessi e anche al territorio. Bisogna cercare di aiutarli, anche nella loro fragilità caratteriale, di suggerire loro di soffermarsi maggiormente, di credere nelle loro potenzialità.

[…] Dove stiamo andando? Perché prima stavamo bene o oggi no? Il benessere ci ha portato ad un regresso, ed il progresso è reale solo per certi versi. Abbiamo ricevuto i giusti insegnamenti dal passato. Tocca a noi poi credere e vivere con i valori giusti. E se riusciamo ad essere in grado di trasmetterli per il futuro, si vince. Dobbiamo ragionare nel presente per un futuro migliore. Le parole chiave sono: rispetto, umiltà, apertura mentale, collaborazione, qualità, condivisione, identità.


Nel 1992 hai fondato, inoltre, l’Associazione culturale RC. Può descrivermi cosa rappresenta per te e quali sono i prossimi progetti relazionati ad essa?

L’associazione nasce con lo scopo ben preciso di certificare le competenze dell’allievo, ampliando le attività attraverso seminari di studio, borse di studio, sfilate, e tutto ciò che possa essere un valore aggiunto alla formazione. L’associazione è dunque di supporto all’accademia, e promuove anche delle borse di studio a copertura parziale, erogate per gli studenti più meritevoli. Rilasciamo anche una borsa di studio a copertura totale, chiamata “Premio Salvatore Fantastico di Kastron”. Ho avuto l’onore di aver avuto il grande maestro dell’accademia dei sarti in commissione di esami, e lui aveva grande stima per la nostra Accademia. Era definito il sarto delle dive ed era conosciuto a livello mondiale, ma non aveva ricevuto mai alcun premio nella sua città natale, Salice Salentino. Come presidente di giuria, dovevo individuare una rosa di eccellenze meritevoli, così ho conferito a questo grande maestro il Premio alla Moda. Dopo la sua morte, la sorella Rosalba, artista poliedrica nonché oggi anche Donna di Puglia, lo ha sostituito, fisicamente, nella commissione di esami, conferendo, ogni anno, una borsa di studio a copertura totale dell’importo del corso di studi, in memoria del fratello scomparso. Si ritorna sempre sul livello umano, oltre che su quello professionale. Tutto torna, sempre.


A proposito di progetti, per la prima volta in Puglia e Italia, la Calcagnile Academy ha recentemente accolto il percorso esperienziale back to human.®, fondato sul legame indissolubile tra empatia + creatività. Come senti questa unione e quale utilità formativa attendi da tale esperienza?

Vivo questa esperienza come una continuità. Non mi sono affatto meravigliata dell’incontro con Andrjiana Popovic. È come se ci conoscessimo da una vita, come se fossimo nate nella stessa famiglia, con gli stessi valori, con lo stesso obiettivo. Sta (di)mostrando il vero senso di umanità alle nuove generazioni, per un futuro sostenibile. Ci auguriamo che questo progetto di vita in cui noi crediamo possa davvero essere sentito anche dalle nuove generazioni. In realtà, ne abbiamo già riscontro: vedere l’aula piena e vedere i miei ragazzi felici, con gli occhi lucidi, e con una sensazione di benessere, fa star bene tutti. Insieme.


Qual è il motivo per cui hai scelto di integrare questo workshop all’Accademia?

È proprio l’empatia. Il fil rouge con l’empatia estetica è fondato sull’apertura e sulla connessione, ed è applicato alla creatività. Ci siamo chieste cosa potessimo fare insieme per rafforzare maggiormente quello in cui crediamo, e come indirizzare anche le nuove generazioni verso i valori umani, e dunque per disegnare futuro e identità.[…] Niente è mai per caso. Neanche questo incontro con lei, o con te, Alessandra, attraverso questa intervista. Vedo che parliamo la stessa lingua ed è come se ci conoscessimo da una vita, no? L’empatia è questo, ed è in ognuno di noi. A volte bisogna solo tirarla fuori in senso positivo.


Empatia e ispirazione sono due punti chiave per me, per te e per tutti gli animi sensibili. Utilizzando queste due parole cardine, cosa consiglieresti ai giovani che vogliono intraprendere un percorso creativo come progetto di vita professionale?

Consiglio di seguire il proprio in:tuito. Di farsi aiutare dalle persone per scoprire quello che può essere davvero il proprio percorso di vita. Molte persone hanno delle potenzialità, ma non sanno di averle. Concorrono inevitabilmente i luoghi e le persone che frequentiamo, anzi ne sono i veri responsabili. Quindi bisogna cercare quelle opportunità, come in questo caso può essere un seminario o degli appuntamenti promossi dalla nostra accademia, ma con le persone giuste che connettono creatività, potenzialità e talento.

Indubbiamente poi il carisma è un altro buon elemento. Si nasce con il carisma, e lo si affina nel tempo. I valori fondamentali sono l’Empatia, la creatività, l’umanità, la connessione, la condivisione. Ognuno di noi può attingere, da questi punti, per realizzare il proprio progetto di vita, che non è irraggiungibile…anzi lo stiamo già raggiungendo, parlando in questa conversazione, vero?

[…] E termino, con queste parole, che amo: l’Accademia tesse, imbastisce, cuce, e rafforza le relazioni umane.

Con autenticità e sano amore infinito.



Per maggiori informazioni, visita:

http://www.calcagnile.com




Photo credits: Kubo, Calcagnile Academy

© 2019 Alessandra Fanizzi / Reproduction of any image and content on this site without permission is prohibited.