• Alessandra Fanizzi

APRÈS SKI / A COOL ACCESSORIES LINE BY LUCIA VERGARA

Après Ski it's a cool line of accessories by Barcelona-based designer Lucia Vergara, who launched her own collection in 2009 after working for companies such as Lydia Delgado and Ailanto.


Tracks, old materials from 40s to 80s, golden brass, resin pieces, beads and antique fabrics found in Europe are brought back to life; modified and then hand-glazed with love and care to create not only necklaces and pendants, but real unique pieces.

They are truly delicate little treasures.

Après Ski accessories blend together the vintage and the modern, romantic and naive, pure and logic, inspired by flora, fauna, geometric designs and the universe, just for your viewing pleasure.

Moreover, the designer is particularly careful to create cool packaging. Periodically she has a collaboration with contemporary artists such as “ In and Out” to design nice illustrations on the cover of boxes for accessories.

I am pleased to discover more about the designer Lucia Vergara and her creative world through this exclusive interview.

Necklace from Collection 2012 / Photo: ©David Urbano

Tell me, who is Lucia Vergara?

If this was a composition for school I would say Lucía is a very lucky girl who spends many many many hours working in what she loves most.

Whenever she's not working she is travelling, dancing rock and roll or playing table tennis.


You are based in Barcelona. Is there any other places you would like to live also?

Some places I would like to live in are London, because of its cultural offer ans Savannah in Georgia, for its really beautiful wooden houses that look straight from the 1940s.

Also I would probably like living in Tokyo and being able to shop at the craft store Tokyu Hands everyday.


Your Education.

I actually took a degree at Media Studies in Valencia, but after working for some years in that field I realized it wasn't what I wanted to do.


How and why you decided to start a fashion accessories business?

Before starting my own brand I worked for three years developing Lydia Delgado's accessories collections, after meeting her by chance in the store I was working at.

During that time I also collaborated with other brands like Ailanto. But after that time I wanted to develop a more personal project where I would have complete freedom to create my own pieces. It was a very natural process because I had been making my own accessories for a while and also made some for my friends on request.


What’s the story behind the brand name Après Ski?

The name Après Ski refers to the “après ski” (after skying) aesthetic of the 1950s, which was the original source of inspiration for the brand.

It also has a meaning in the sense of accomplishment that follows a completed task or after making an effort, in that way those precious moments of relax are a reward and a source of happiness, a bit like my accessories I hope.


A goal that you achieved and a dream for the future. I mean, what is Your greatest dream?

A goal that I already achieved is definitely being able to make a living from working on what I love.

As for my dreams for the future, I have too many to list they range from being a ceramist to having a big house with a garden.


Do you have advice for other people whether they are designers (or not) to follow their dreams just like you did?

The best anyone can do is to stay true to themselves and be who they really are, without letting other people's opinions or judgements affect the way they feel or think.

I believe it's very important to find something you are good at and try to do it in your own personal way.


Define your style. What inspires you?

I am inspired by pastel colours, geometric shapes, nature, avant-garde art movements and “poor” materials.

Everything that inspires me is clearly reflected in my work.


Photo: ©David Urbano


Which is your working method? What do you enjoy most about your work?

My creative process is very organic. Since I don’t have an education in design I started with learning the basic principles of artistic education. I'm always on the lookout for materials everywhere I go so I have piles of materials, once I have a concept I want to develop I follow my instincts arranging pieces by textures and colours and making up shapes.

I always have a lot of fun creating these compositions in such an intuitive way. It's a bit like mixing painting and collage and it works great for me to put my ideas down, since I don't sketch.


Which music do you listen to while designing the collection?

I always have music playing while I'm working in the studio.

Right now I'm specially into Molly Nilsson, Perfume Genius, Wild Beasts, Johnny Cash, Girls and Dirty Beaches among others.

When did you start collaboting with contemporary artists?

Right from the start of the Après Ski! I always knew I wanted to collaborate with artists and to associate with all this creative people, so the idea of the collaborative packaging series was there right from the start.


Who are your favorite designers?

In fashion and accessories I love El Colmillo de Morsa, SuTurno, Iriarte Iriarte and Deux Souliers.

In graphic design Ana Montiel and Antonio Ladrillo.

All of them are extremely talented but also good friends.


What is an accessory for you? What is so special about your accessories?

I like to think that my accessories are a bit like medals or trophys in a way, that you get and then display proudly. I also like to think of necklaces like amulets, something that have emotions or meanings attached to them and makes you feel special when you wear it.

The great thing about accessories is that people tend to have a lot less accessories than clothes, so when you buy one you want to make sure that is something special that you love, something with a little extra.

Also, I love working with them because they are more timeless than clothes and you end up wearing them more often too.


Which is your favourite book,movie and city?

Book: 'Minor Characters' by Joyce Johnson.

Movie: 'Minnie and Moscowitz' by John Cassavetes.

City: London


What is your personal style?

I tend to dress in plain, simple clothes that will allow my necklaces to stand out, since I almost always wear a necklace.

My favourite items of clothing are shirts and jumpers, and I also love wearing masculine shoes, specially Oxfords.


Your fetish object?

A tiny box of biscuits from the 1950s that I found in a flea market in Vienna some time ago.

It has a gorgeous colourful geometric pattern like plaid and I take it everywhere.


Who are your heroes?

My parents.


A word to end with this interview with a special designer as you?

"Words are like stairs", is the title of a poem by Yehuda Amijai, one of my favourite authors.


Visit http://apresski.es to see her beautiful creations.

Once you get one, you will definitely desire to buy the whole collection.



Article written for ROUGH Magazine, online magazine.


italian version. /


APRÈS SKI / UNA LINEA DI ACCESSORI COOL DI LUCIA VERGARA


Après Ski è una linea di accessori cool progettata dalla designer di Barcelona Lucia Vergara, che ha lanciato la sua collezione nel 2009 dopo aver lavorato come compagnie come Lydia Delgado e Ailanto.


Pezzi, vecchi materiali dagli Anni '40 agli Anni '80, ottone dorato pezzi in resina, perline e tessuti antichi trovati in Europa e riportati in vita; modificati e poi smerigliati a mano con amore e cura per creare non solo collane e pendenti, ma pezzi davvero unici. Sono piccoli tesori delicati.

Gli accessori di Après Ski fondono insieme vintage e moderno, romantico e naive, istintivo e logico, ispirati da flora, fauna, disegni geometrici e dall'universo, solo per il piacere dei tuoi occhi.

Inoltre, la designer è particolarmente attenta a creare un packaging con stile. Ha regolarmente collaborazioni con artisti contemporanei come “ In and Out” , per disegnare belle illustrazioni sul cover della scatola per gli accessori.

Sono lieta di scoprire di più sulla designer Lucia Vergara e sul suo creativo mondo attraverso questa intervista esclusiva.


Dimmi, chi è Lucia Vergara?

Se questa fosse una composizione per scuola direi che Lucía è una ragazza davvero fortunata che passa molte molte molte ore, lavorando su quello che lei adora più fare. Quando non lavora, le i viaggia, balla il rock&roll o gioca tennis da tavolo.

Whenever she's not working she is travelling, dancing rock and roll or playing table tennis.


Vivi a Barcelona. C'è anche qualche altro posto in cui vorresti vivere?

Alcuni posti in cui vorrei vivere sono Londra, per la sua offerta cultura e Savannah in Georgia, per le sue bellissime case in legno uscite direttamente dagli Anni '40. E forse vivrei anche a Tokyo ed essere in grado di comprare ogni giorno al negozio d'artigianato Toku Hands ogni


La tua istruzione.

M sono laureata al Media Studies a Valencia, but dopo aver lavorato per alcuni anni in quel settore ho realizzato che non era ciò che volevo fare.


Come e perché hai deciso di iniziare un business nel settore degli accessori moda?

Prima di aprire il mio brand lavorai per tre anni sviluppando collezioni di accessori di Lydia Delgado, dopo averla incontrata per caso in un negozio in cui lavoravo. Durante quel periodo ho anche collaborato con altri brand come Ailanto. Ma dopo quel periodo avevo il desiderio di sviluppare un progetto più personale dove potessi avere completa libertà di creare i miei pezzi.

È stato un processo molto naturale perché ho realizzato i miei accessori per un pò e l'ho anche fatto per i miei amici su richiesta.


Qual è la storia dietro il nome Après Ski?

Il nome Après Ski si riferisce all'estetica del “après ski” (dopo sci) degli Anni '50, che era l'originale fonte di ispirazione per il brad. Ha anche il significato nel senso di risultati che segue un'attività terminata o dopo aver fatto uno sforzo, nel senso che questi preziosi momenti di relax sono una ricompensa e una fonte di felicità, un pò come i miei accessori, spero.


Un obiettivo che hai raggiunto e un sogno per il futuro. Cioè, qual è il tuo più grande sogno?

Un sogno che ho già realizzato è decisamente essere in grado di guadagnarmi da vivere lavorando a ciò che amo.

Per quanto riguarda i miei sogni futuri, ne ho così tanti da elencare, e vanno dall'essere una ceramista ad avere una grande casa con un giardino.


Hai qualche consiglio per altre persone sia che siano designer (o meno) per seguire i loro sogni proprio come hai fatto tu?

La cosa migliore che ognuno possa fare è di restare fedele a se stesso e di essere chi sei realmente, senza permettere alle opinioni o giudizi degli altri di buttarti giù. Credo che sia veramente importante trovare qualcosa in cui sei bravo a modo tuo.


Definisci il tuo stile. Cosa ti ispira?

Sono ispirata dai colori pastello, dalle forme geometriche, dalla natura, dai movimenti d'arte d'avanguardia e dai materiali "poveri". Tutto ciò che mi ispira si riflette ovviamente nel mio lavoro.

Everything that inspires me is clearly reflected in my work.


Qual è il tuo metodo lavorativo? Cosa ti piace di più del tuo lavoro?

Il mio processo creativo è molto organico. Dato che non ho un'istruzione nel design ho iniziato a imparare tutti i pricipi base dell'educazione artistica. Sono sempre in cerca di materia, ovunque vada, così ho pile materiali, e una volta che ho il concept che voglio sviluppare seguo i miei istinti mettendo insieme pezzi, colori e creo forme nuove. Mi diverto tano quando creo queste composizioni in un modo così intuitivo. è un pò come mixare pittura e collage, e funziona alla grande per me buttare giù idee dato che non faccio sketch.


Che musica ascolti mentre progetti le collezioni?

Ho sempre la musica mentre lavoro nello studio.

In questo periodo sono per Molly Nilsson, Perfume Genius, Wild Beasts, Johnny Cash, Girls e Dirty Beaches, più di tutti.

Quando hai cominciato a collaborare con artisti contemporanei?

Proprio all'inizio di Après Ski! Ho sempre saputo che volevo collaborare con artisti e essere a contatto con tutte queste persone creative, quindi l'idea della serie di collaborazioni del packaging erano lì già dal principio.


Chi sono i tuoi designer preferiti?

Nell'ambito della moda e degli accessori amo El Colmillo de Morsa, SuTurno, Iriarte Iriarte e Deux Souliers.

Nel graphic design Ana Montiel e Antonio Ladrillo.

Tutti sono estremamente talentuosi ma anche grandi amici.


Cosa è un accessorio per te? Cosa rende i tuoi accessori così speciali?

Mi piace pensare che i miei accessori sono un pò come medaglie e trofei in un certo senso, che prendi e mostri fieramente. Mi piacere anche pensare a collane come amuleti, qualcosa che abbia emozioni o significati intrinsechi e che ti facciano sentire speciale quando li indossi.

La grande cosa degli accessori è che la gente cerca di avere meno accessori che abiti, così quando ne compri uno vuoi essere certo che c'è qualcosa di speciale che ami, come se fosse qualcosa in più. Inoltre, amo lavorare con gli accessor perché sono senza tempo rispetto agli abiti e alla fine li indossi anche molto spesso.


Libro, film e città preferiti?

Libro: 'Minor Characters' di Joyce Johnson.

Film: 'Minnie e Moscowitz' di John Cassavetes.

Città: Londra


Come è il tuo stile personale?

Io tendo a indossare vestiti semplici e senza stampe, che mi permettono di risaltarmi, dato che indosso quasi sempre una collana. Maglie maglioni sono i miei pezzi d'abbigliamento che preferisco, e amo anche scarpe maschili, specialmente le

Oxfords.


Il tuo oggetto fetish?

Una piccola scatola di biscotti del 1950 che ho trovato in un mercatino a Vienna qualche tempo fa.

Ha un pattern geometrico simile allo scozzese favoloso e la porto con me ovuqnue.


Chi sono i tuoi eroi?

I miei genitori.


Una parola per finire questa intervista con una designer speciale come te?

"Le stelle sono come le scale", è il titolo del poemi di Yehuda Amijai, uno dei miei autori preferiti.


Visita http://apresski.es per guardare le sue bellissime creazioni.

Una volta che ne avrai una, vorrai decisamente comprare tutta la collezione.



Articolo scritto per ROUGH Magazine, online magazine.

13 views

© 2019 Alessandra Fanizzi / Reproduction of any image and content on this site without permission is prohibited.