• Alessandra Fanizzi

DREAM. ART MEETS DREAMS / THE UN:REAL MAGIC OF THE VISIONARY SUBCONSCIOUS

Explore the incredible contemporary art exhibition at the Cloister of Bramante in Rome, extended until August 25th, 2019.


Is this a dream or a reality?

How does it feel to experience deep un:conscious dreams just by walking through them, with eyes wide open?

The human mind senses these (and more) questions when crossing the doorstep of Cloister del Bramante in Rome and approaches the amazing exhibition 'Dream. Art meets dreams', curated by Danilo Eccher, (luckily) extended until August 25th, 2019. Be sure not to miss it!


Dream. Desire. Fantasy. Fear. Magic. Symbol. Mirroring. Un:known. Perception. Discovery. Revelation. Emotion.


Dream represents a journey into personal microcosms, deep emotions and poetic of soul, to harmoniously connect self, sub:conscious mind and oneiric projections onto the vibrancy of contemporary artworks.

With their dreamlike and sur:real essence, art Installations and contemporary works follow one another, through corridors and rooms, mixing hypnotic lights, dark liquid shadows, amniotic sounds, contrasting patterns, subtle color hues, intriguing textures.

Every artwork acquires a major depth thanks to The voices of the dream, fourteen poems and stories specifically written for this exhibition by writer, screenwriter and director Ivan Cotroneo, and soulfully narrated by actors such as Valentina Cervi, Matilda de Angelis, Marco Bocci, Giuseppe Maggio, Alessandro Preziosi, Isabella Ferrari, Cristiana Capotondi.


To lead the spectator towards the vast territories of un:conscious emoti:on.

To unfold into a lucid un:real magic, where space and time stops.

To stop, re:start, experience personal dreams and walk into fears and desires.

To draw and breathe in a brand new dimension.


Entrance. The exhibition itinerary begins with the peaceful video-installation of Bill Viola immersed in the dark, called 'Sharon', where the protagonist courageously holds her breath into the unknown, into the spiritual purifying water.

Moving into a next room, the artworks of Giovanni Anselmo and Mario Merz, respectively named 'Mentre la terra si orienta' (While the Earth finds its bearings) and 'Foresta con video sul sentiero' (Forest with video on a path), are set to represent the direction and the determination symbolized by the compass, while intricate brushwood elements evoke the coexistence of opposites. Then, Christian Boltanski creates curiosity with his installation room, 'Le Théâtre d'ombres', where oneiric plays of light + shadows / inside + out mirror the un:revealed emotional world, made of illusions and reflections and re:discovered realities.

The itinerary progresses leaving its darkness to enter a more illuminated room, with the 'Suspended Tree' by Henrik Håkansson, an ode to protection, present and future personal aspirations; 'Enteric' by Kate MccGwire, a mysterious yet lightweight sculpture of a sensuous, dark-feathered creature, which twists and turns in the room; 'Without Space. Without Body. Without Time' by Wolfgang Laib, with his representation of a house as self and protection; 'Untitled' by Anish Kapoor, a majestic sculpture made of vermillion veined alabaster intended as an expression of emotions, thoughts, feelings and sense of infinity; 'Il carro del sole' (The wagon of sun) and 'Saltafossi' (Jumper) by Claudio Costa, a sensitive mix of mythology and reality into conceptual sculptures in wood, iron and bone.


Next room. Pure magic gifted by the contemporary installation called 'Light is Time' by Tsuyoshi Tane. Over a surreal background sound, 80.000 metallic plates gently fluctuate into the darkness, imperceptibly dancing in the space, like free-floating stars, and create visual poetry of golden rain, carrying symbols of recalibrated time, mystery, quest of essence, new horizons.

And talking about dreamy stars, they are the main character of 'Untitled', an impressive painting by Anselm Kiefer which captures emotions, fascination, memory delicately surrounding the sleeping human body.

And then, 'data.tron [WUXGA version]' a digital wall installation by Ryoji Ikeda, with its programming computer codes and numbers constantly changing, and creating patterns and symbolisms bound to rhythm of a frenetic, emotional heartbeat, letting the eye travelling into space and time, uncontrollably.

The itinerary connects ground zero to the upper floor by displaying a site-specific work by Alexandra Kehayoglou called 'What if all is', a dreaming prehistoric protective cave made of wool, rich in all its natural tones, which transforms from stair to stair into earthly tones and brilliant greens. The meaning of protection and climbing stairs reconnects to a sense of trust, unknown, curiosity, warmth, from illusion to reality (?), like a spiritual inner sanctum inside of human beings.


Out of the cave. Light! An entire room installation named 'Untitled' by Peter Kogler, who transports the eyes into distorted visions, intricate lines, confusing the rationality through unknown, vertigo, labyrinth, immersed into mysterious, silent, curved, infinite dreamy lines. Getting lost as an expression of getting found again, as a pivotal part of existence. Luigi Ontani, instead creates a colorful bedroom with mythological elements and masks full of symbolisms, which translates as personality traits covering and hiding, in a lucid dreamlike state.

The next room is set as a dark futuristic installation called 'Time Sky' by Tatsuo Miyajima, where the ceiling is completely filled with electric blue-lighted analogical sparkling numbers, that can be watched by lying down on the floor. 1. 2. 3. 4. 5....Numbers as stars, order, suggestion, from dream to reality in the unconscious mind. And then, Ettore Spalletti with his minimalistic 'Carta velata' (Veiled paper), let the eye be filled with peace, quiet atmosphere, touching the chords of the soul from light baby blue to milky white. From the state of trance to being awake.

The exhibition reaches its climax with the final artwork by James Turrell, 'Sensing Thought', where a central panel in a quiet room brings its attention to the ever-changing imperceptible color hues, from yellow to orange and green, creating a parade of awakening.


Exit. Light. New Energy. Calmness. Towards Infinity. Essence.

From dream to reality.

Or vice-versa (?).


Yes, we are dreamers!


For more, visit:

https://www.chiostrodelbramante.it/?lang=en


Special thanks to Chiostro del Bramante, Mr. Raffaele Brancato

Photo credit: Alessandra Fanizzi

italian version. /


DREAM. L'ARTE INCONTRA I SOGNI / LA MAGIA IR:REALE DEL SUBCONSCIO VISIONARIO


Esplora l'incredibile mostra di arte contemporanea al Chiostro del Bramante di Roma, prorogata fino al 25 Agosto 2019.


È questo un sogno o è la realtà?

Cosa si prova a vivere l'esperienza di in:consci sogni profondi, solo camminando attraverso di essi, con gli occhi aperti?

La mente umana sente queste (e più) domande quando attraversa la soglia d'ingresso del Chiostro del Bramante a Roma e si avvicina alla meravigliosa mostra 'Dream. L'Arte incontra i Sogni', curata da Danilo Eccher, e prorogata (fortunatamente) fino al 25 Agosto 2019. Non perderla!


Sogno. Desiderio. Fantasia. Paura. Magia. Simbolo. Rispecchiamento. In:cognito. Percezione. Scoperta. Rivelazione. Emozione.


Dream rappresenta un viaggio all'interno di microcosmi personali, emozioni profonde e poetica dell'anima, per connettere il proprio sé, la mente sub:conscia e le proiezioni oniriche verso la carica delle opere contemporanee.

Con la loro essenza da sogno e sur:reale, le installazioni d'arte e i lavori contemporanei si susseguono uno dopo l'altro, attraverso corridoi e stanze, mixando luci ipnotiche, ombre liquide scure, suoni amniotici, disegni contrastanti, sfumature di colore discreto, aspetti intriganti.

Ogni opera acquisisce maggior profondità grazie a Le voci del sogno, quattordici poemi e storie specificatamente scritte per questa mostra dallo scrittore, sceneggiatore e direttore Ivan Cotroneo, e narrate appassionatamente da attori come Valentina Cervi, Matilda de Angelis, Marco Bocci, Giuseppe Maggio, Alessandro Preziosi, Isabella Ferrari, Cristiana Capotondi.


Per condurre lo spettatore verso i vasti territori dell'emozi:on_e in:conscia.

Per aprirsi alla lucida magia ir:reale, dove spazio e tempo si fermano.

Per fermarsi, ri:partire, vivere sogni personali e camminare nelle paure e nei desideri.

Per disegnare e respirare una nuova dimensione.


Entrata. L'itinerario della mostra comincia con una pacifica video-installazione di Bill Viola immersa nell'oscurità, chiamata 'Sharon', in cui la protagonista trattiene il respiro coraggiosamente nell'ignoto, nella spirituale acqua purificatrice.


Muovendosi nella stanza successiva, le opere di Giovanni Anselmo e Mario Merz, rispettivamente chiamate 'Mentre la terra si orienta' e 'Foresta con video sul sentiero', sono posizionate per rappresentare la direzione e la determinazione simbolizzata dalla bussola, mentre elementi di sterpaglia evocano la coesistenza degli opposti. Inoltre, Christian Boltanski crea curiosità con la sua stanza installazione, 'Le Théâtre d'ombres', dove onirici giochi di luce + ombra / interno + esterno rispecchiano lo (s)velato mondo emozionale, fatto di illusioni e riflessioni e realtà ri:scoperte.

L'itinerario lascia la sua oscurità per entrare in una stanza più illuminata, con 'Suspended Tree' di Henrik Håkansson, un'ode alla protezione, al presente e ad aspirazioni personali future; 'Enteric' di Kate MccGwire, una scultura misteriosa e leggera di una creatura dark, sensuale, ricoperta di piume dark, che si attorciglia e si rigira nella stanza; 'Without Space. Without Body. Without Time' di Wolfgang Laib, con la sua rappresentazione di una casa come sé e protezione;

'Untitled' di Anish Kapoor, una scultura imponente fatta di venoso alabastro color vermiglio, inteso come una espressione di emozioni, pensieri, sentimenti e senso d'infinità; 'Il carro del sole' e 'Saltafossi' di Claudio Costa, un mix sensibile di mitologia e realtà in concettuali sculture in legno, ferro e osso.


Stanza successiva. La magia pura è regalata dall'installazione contemporanea chiamata 'Light is Time' di Tsuyoshi Tane. Sotto un suono surreale in background, 80.000 piastre metalliche fluttuano gentilmente nell'oscurità, danzando impercettibilmente nello spazio, come stelle che svolazzano libere e creano una poesia visiva di pioggia dorata, portando con sé simboli di tempo ricalibrato, mistero, ricerca dell'essenza, nuovi orizzonti.

E parlando di stelle sognanti, esse restano le protagoniste di 'Untitled', un ammirevole dipinto di Anselm Kiefer che cattura emozioni, fascino, memoria che circondano il corpo umano dormiente.

Inoltre, 'data.tron [WUXGA version]', una installazione da muro digitale creata da Ryoji Ikeda, con i suoi codici e numeri di programmazione computer che cambiano costantemente, e creano patterns e simbolismi legati al ritmo di un battito cardiaco frenetico ed emotivo, lasciando viaggiare l'occhio nello spazio e nel tempo, incontrollabilmente.


L'itinerario connette il piano terra con quello superiore dall'esposizione di un lavoro fatto specificatamente in loco da Alexandra Kehayoglou chiamato 'What if all is', una protettiva caverna nel tempo del sogno realizzata in lana, ricca di toni naturali, che si trasformano man man che si sale, in toni terrigeni e verdi brillanti. Il significato di protezione e di salita delle scale riconnette a un senso di fiducia, ignoto, curiosità, calore, dall'illusione alla realtà (?), come un tempio interiore spirituale all'interno degli esseri umani.

Fuori dalla caverna. Luce! Una intera stanza adibita a installazione chiamata 'Untitled' , creata da Peter Kogler, che trasporta gli in visioni distorte, linee intricate, disorientando la razionalità attraverso l'ignoto, la vertigine, il labirinto, immerso in sognanti live misteriose, silenziose, curve, infinite.Perdersi come espressione di ritrovarsi di nuovo, come parte fondamentale dell'esistenza.

Luigi Ontani, crea invece una stanza colorata fatta di elementi mitologici e maschere piene di simbolismi, che si traducono in tratti della personalità che si coprono e si nascondono, in un lucido stato surreale.

La stanza seguente è disposta come una installazione dark futuristica chiamata 'Time Sky' realizzata da Tatsuo Miyajima, dove il soffitto è interamente coperto da numeri analogici luminosi color blu elettrico, che possono essere osservati da sdraiati. 1. 2. 3. 4. 5...Numeri come stelle, ordine, suggerimenti, dal sogno alla realtà nella mente inconscia. E dopo, Ettore Spalletti con la sua minimalistica 'Carta velata', lascia che l'occhio si riempia di pace, quieta atmosfera, toccando le corde dell'anima dal baby blue al bianco lattiginoso. Da uno stato di trance alla sensazione di risveglio.

La mostra raggiunge il suo apice con l'opera finale di James Turrell, 'Sensing Thought', dove un pannello centrale in una stanza serena porta la sua attenzione sulle sfumature impercettibilmente in continua evoluzione, dal giallo all'arancio e verde, creando una parata di risveglio.


Uscita. Luce. Nuova Energia. Calma. Verso l'Infinito. Essenza.

Dal sogno alla realtà.

O viceversa (?).


Si, siamo sognatori!



Per maggiori informazioni, visita: https://www.chiostrodelbramante.it/?lang=it


Un ringraziamento speciale al Chiostro del Bramante, Sig. Raffaele Brancato

Photo credit: Alessandra Fanizzi



34 views

© 2019 Alessandra Fanizzi / Reproduction of any image and content on this site without permission is prohibited.